…E questo invece è uno di quei libri che, girando in una libreria, mi finì nelle mani quasi per caso. “Ogni giorno come fossi bambina” è un romanzo del 2015 di Michela Tilli, edizioni Garzanti in foto.
Perché decisi di doverlo leggere, tra decine e decine di nuove uscite di quell’anno che potevo acquistare? Perché, dando una sbirciata alla trama, decisi che poteva essere interessante: il contesto, una frase riportata o non so che. Ma alla fine scatta la scintilla che ti fa dire: voglio leggerlo!
Di cosa parla “Ogni giorno come fossi bambina” di Michela Tilli?
La vicenda ruota attorno alla sedicenne Arianna, ragazzina goffa, presa in giro a scuola, sempre solitaria con computer e libri. Un giorno, dopo l’ennesimo litigio con i genitori, Arianna viene costretta a fare da badante per alcune ore al giorno ad una vecchia signora, Argentina.
La scrittrice pennella le due differenti generazioni in una maniera così incisiva che, scorrendo tra le pagine, sembra che la due protagoniste siano due nostre conoscenze. …Arianna e Argentina, così diverse tra loro, fino a che il parlare di lettere d’amore le unirà. Si tratta di una corrispondenza che Argentina si scambia, a distanza di anni, con un amore di gioventù del suo lontano paese di origine in Sud Italia. La giovane e l’anziana signora troveranno infatti la complicità nell’organizzare un lungo viaggio insieme, per far sì che Argentina possa ritrovare il suo passato.
Compiranno il viaggio? Argentina ritroverà l’amore della sua giovinezza? Non ti svelerò nulla, perché la trama è ben articolata e ricca di sorprese.
Ottima la penna di Michela Tilli, scrittrice nata a Savona, conosciuta anche per l’altro famoso romanzo “Basta un attimo”, come autrice TV e per i suoi lavori nel mondo del teatro.
Complimenti, perché è la dimostrazione che anche gli scrittori italiani riescono a sviluppare argomenti pluri-trattati (come, nel caso del romanzo in questione, le differenze generazionali) con grande ritmo e intensità.

Ti invito a seguire la mia sezione LIBRI, con le categorie di scrittori BIG (clicca qui) e di AUTORI LOCALI (clicca qui) di Argentario e Maremma.